• Ma davero, davero?
Ma davero, davero?

Ma davero, davero?

"Ho tenuto a lungo nel cassetto questi scritti - quale scrittore moderno chiude ancora nel cassetto i propri elaborati? Sarebbe ora di aggiornare il detto, perché erano ben conservati sul disco rigido del pc, e su quello della memoria esterna... non si sa mai. Ho sempre privilegiato la poesia dialettale romana, e dunque ho preferito pubblicarla. Poi, scrivo ancora alcuni sonetti o poesie in romano, (sì, romano! Anche Belli scrisse: 'Ma nun c'è lingua come la romana...', dunque lascio il romanesco ai carciofi e alle cocuzze), ma ho pensato che solo un libro un vero libro, stampato su carta, fosse la giusta 'fine' di questi scritti, a completamento della mia vena di scrittore dilettante." (L'autore) Vedi di più