• Guerrilla Radio. Vittorio Arrigoni, la possibile utopia
Guerrilla Radio. Vittorio Arrigoni, la possibile utopia

Guerrilla Radio. Vittorio Arrigoni, la possibile utopia

La fine e l'inizio. Il volontariato. Le elezioni nella Repubblica Democratica del Congo come osservatore internazionale. La Palestina. Sempre. E poi l'interposizione non violenta. Il blog. Piombo fuso. I videomessagci. Roberto Saviano. La guerra "se possiamo davvero chiamarla guerra". Gli scudi umani e Gaza. Nuovamente Gaza. Guerrilla radio è Vittorio Arrigoni. Per gli amici Vik: "umanissimo e imperfetto come tutti noi". E "restiamo umani" non è soltanto un facile slogan. Sono le parole con cui chiudeva gli articoli del suo blog o delle testate di cui era corrispondente. Parole che rappresentano ancora oggi quei valori di solidarietà e uguaglianza per i quali ha dedicato la sua intera vita. Fino alla notte del 14 aprile 2011 in cui è stato rapito e poi assassinato dal terrorismo jihadista salafita Vittorio era un attivista. Un narratore sensibile. Un pacifista un ragazzo che aveva deciso di vivere nella striscia di Gaza. Accanto al "suo" popolo palestinese un percorso realmente umano. Le cui radici affondano nel concetto del prossimo prima ancora di quanto possa significare essere un reporter di guerra. Introduzione di Egidia Beretta. Vedi di più